Europa Trust

Piani di Incentivazione e altri Utilizzi

Piani d'Incentivazione e Attribuzione di Partecipazioni ai Dipendenti

La Fiduciaria può intervenire nella gestione di piani d’incentivazione, con cui si attribuisce ai dipendenti o ad alcuni di essi (ad es. dirigenti, dipendenti particolarmente meritevoli, dipendenti muniti di competenze tecniche particolarmente elevate o che, comunque, occupano posizioni “chiave”, etc.), una partecipazione diretta al capitale sociale al fine di coinvolgerli e incentivarli al raggiungimento degli obiettivi prefissati, fidelizzandoli e rendendoli parte attiva della società.

Modalità di Attribuzione delle Partecipazioni ed Intervento della Fiduciaria

L’attribuzione della partecipazione può avvenire:

  • a titolo gratuito;
  • a un prezzo di favore;
  • mediante l’assegnazione gratuita di un’opzione esercitabile dal dipendente per l’acquisto o la sottoscrizione della partecipazione a un prezzo predeterminato.  

La società che delibera il piano d’incentivazione, una volta definito il relativo Regolamento, può affidarne l’amministrazione alla Fiduciaria affinché sottoscriva gli strumenti finanziari che ne costituiscono l’oggetto, previa ricezione della provvista necessaria da parte dei beneficiari.

Questi ultimi, a loro volta, avranno preventivamente sottoscritto appositi mandati fiduciari irrevocabili ai sensi dell’art.1723, c.2, del codice civile, poiché conferiti anche nell’interesse della società emittente. In tal modo, gli strumenti finanziari che la Fiduciaria si andrà a intestare in esecuzione dei mandati ricevuti, saranno amministrati secondo i termini previsti nel Regolamento del Piano. 

Quali sono i vantaggi dell'intervento della Fiduciaria nei Piani di Incentivazione?

In tali operazioni, l’intervento della Fiduciaria consente di perseguire molteplici obiettivi:

  • La custodia delle partecipazioni dei singoli dipendenti, garantendone la riservatezza;

  • L’unicità d’interlocutore nei confronti della società, con notevole semplificazione di tutti gli adempimenti necessari (partecipazione alle assemblee, gestione dei flussi finanziari connessi alla sottoscrizione, all’acquisto, alla vendita delle partecipazioni e alla riscossione dei dividendi, etc.);

  • La gestione della fiscalità;

  • La creazione di automatismi per l’adempimento di quanto previsto nel Piano d’incentivazione, che non consentano manifestazioni di volontà o condotte dei beneficiari diverse da quanto previsto nel Piano stesso.

Altri impieghi della Fiduciaria per l'Attività d'Impresa

Focus: Intestazione di Crediti in Sofferenza tramite acquisto Pro Soluto da parte della Fiducuaria

La Fiduciaria consente, inoltre, di evitare l’inutile appesantimento del bilancio di una società, acquistando da quest’ultima i crediti incagliati su specifico mandato conferitole dal cliente, previa messa a disposizione della provvista necessaria.

L’acquisto del credito avviene pro soluto, in modo che la differenza tra il valore nominale del credito ceduto e il prezzo di cessione costituisca una perdita certa e definitiva per il cedente, risultando in tal modo fiscalmente deducibile. La Fiduciaria, da parte sua, quale nuovo titolare del credito, porrà in essere, ove il fiduciante lo desideri, le necessarie attività di recupero. Le somme in tal modo recuperate saranno accreditate al fiduciante, il quale potrà chiedere alla Fiduciaria di beneficiare del regime del “risparmio amministrato. In tal caso, sulle somme incassate la Fiduciaria applicherà la ritenuta del 26% a titolo d’imposta e il fiduciante non dovrà dichiararle nella propria Dichiarazione dei redditi.

E’ doveroso, però, far presente che tali operazioni vanno poste in essere con la massima oculatezza, poiché l’Amministrazione finanziaria potrebbe disconoscere la rilevanza fiscale della perdita in tutti quei casi in cui la cancellazione del credito derivi da operazioni elusive, ovvero sia dimostrata la non economicità dell’atto realizzativo o che lo stesso sia sostanzialmente equiparabile a una liberalità.

Focus: Intestazione Fiduciaria a Scopo di Garanzia

Il mandato fiduciario consente, inoltre, di costituire in pegno titoli fiduciariamente intestati, a garanzia di operazioni bancarie o finanziarie in cui non si desidera apparire personalmente come pure d’intestare fiduciariamente diritti derivanti da “Proprietà intellettuali” (brevetti, licenze, know how, etc.), assicurando riservatezza e corretta amministrazione  dei medesimi.

Focus: Rappresentanza in Trattative Commerciali

La Fiduciaria può assumere la rappresentanza in trattative di natura commerciale per acquisizioni in Italia e all’estero, al fine di garantire alla propria clientela la riservatezza desiderata in tutti i casi in cui l’identità del fiduciante potrebbe costituire un fattore penalizzante, come in caso di trattative che abbiano per oggetto attività concorrenti o sinergiche, proprietà confinanti, etc.

Considerazioni Finali

Da quanto sopra, emerge pertanto che la flessibilità propria del mandato fiduciario ne fa un valido strumento a supporto dell’imprenditore, consentendogli di soddisfare le esigenze più disparate.

Contattaci

Informato ai sensi dell’informativa di cui all’art.13 del Regolamento UE n. 2016/679 (GDPR), recante disposizioni a tutela delle persone e degli altri soggetti rispetto al trattamento dei dati personali, il/la Richiedente fornisce il consenso al trattamento dei propri dati personali, per gestire la presente richiesta di informazioni.